Gulìa che crede nella qualità, nel gusto e nel valore della tradizione, con l’esperienza dei cacioformaggi, ha voluto onorare un’usanza diffusa sulle tavole calabresi nei primi anni del 900, per cui il salame veniva avvolto nel caciocavallo. Gusti intensi a confronto, più deciso quello del salume e più dolce e accogliente quello del caciocavallo.

Consigli d’uso

Ottimo da gustare come antipasto, tagliato a fette in punta di coltello, in modo da mantenerle più spesse e da non perdere nulla dell’intensità che questo straordinario connubio di sapori regala. Perfetto per una colazione sana, come tradizione vuole, con del pane fresco che incornicia i sapori dolci e salati del caciocapicollo, o semplicemente adagiati in un piatto da portata, serviti in un buffet, insieme ad altri antipasti, per aprire le danza in tavola.